utilizzare al meglio l'intent marketing

Intent Marketing: cosa significa e come si può basare una campagna

Vi sono numerosi termini per quando bisogna parlare di qualche strategia di Marketing. Non tutte devono essere applicate o utilizzate, ma è sempre utile venire a sapere l’utilità di certe manovre. Ad esempio, è possibile organizzare la propria strategia di vendita e Marketing basando il tutto su quello che viene chiamato come l’Intent. Di cosa stiamo parlando esattamente, nonostante tutto? Di cosa parla l’Intent Marketing?

Indice dei contenuti

Innanzitutto, bisogna descrivere l’Intent esattamente per quel che è: una strategia commerciale basata sull’intenzione del potenziale cliente. È un metodo piuttosto raffinato per comprendere in anticipo come l’utente arriverà sul sito e con che cosa interagirà all’interno del Business. Ovviamente bisogna organizzare il proprio sito per accomodare queste strategie di Marketing, cosa di cui parleremo a breve.

Su cosa si basa l’Intent Marketing

Difatti, l’Intent Marketing non si basa solamente su un paio di aspetti, ma su una serie appunto di Intenzioni che l’utente può avere. Ecco le principali intenzioni su cui si bansa questa tecnica di marketing.

Un intento informativo

Quando s’intende che un utente ha un Intento Informativo, sta cercando di raggiungere il sito in cerca di qualche soluzione, o una semplice risposta ai suoi dubbi. Questo significa che il sito può essere organizzato per fornire una risposta a questa domanda, offrendo così la possibilità di dare la soluzione sotto forma di servizi o oggetti messi in vendita.

Esempio: “Perché il mio lavandino perde?”. Il sito può parlare del problema e di offrire dei componenti adeguati, o un servizio abbinato (per trovare un idraulico) che può fornire una riparazione adeguata.

L’intento di navigazione

Solitamente questa è una delle intenzioni fra le più semplici, considerando che un utente può capitare nel sito proprio attraverso qualche ricerca effettuata da un motore esterno o qualche altro mezzo specifico. Vi sono delle volte che qualcuno sta cercando di ottenere un risultato ma questo non viene completato negli indirizzi, ad esempio quando si cerca di scrivere “Twitter” ma questo non si completa direttamente, facendo partire invece il motore di ricerca.

Esempio: l’utente cerca di aprire Twitter.com. Ma il suo browser non completa l’indirizzo, e fa invece partire il motore di ricerca. I primi risultati parleranno di Twitter, ma è possibile far comparire anche il nostro Business.

Ovviamente in quest’Intenzione non rientra anche solo chi fa un errore nell’inserire un indirizzo nel Browser. Si parla anche di navigazione generale, semplice passatempo di molti italiani e non al giorno d’oggi.

L’intento della ricerca

Questo tipo d’intenzione è invece molto differente, considerato che alla fine dei conti è simile all’informativo, ma con tutto un altro scopo: quello magari di comprare qualcosa, o di ottenere un servizio che però non è esclusivo al nostro business. L’utente in questo caso sta cercando recensioni, informazioni aggiuntive su un prodotto, ed altri risultati simili per quel che riguarda naturalmente qualche acquisto futuro.

Esempio: l’utente sta cercando “Recensioni Aspirapolvere Dyson 4000”. Il sito può comparire fra le ricerche. L’utente s’informerà perciò delle sue caratteristiche, raggiungendo eventualmente la conclusione in futuro se comprare l’oggetto o meno.

Intento d’acquisto

Questo è particolarmente ovvio: l’utente sta cercando qualcosa da comprare e vuole farlo con desiderio diretto, non importa quel che sta mostrando il sito. Questo può essere perciò regolato di conseguenza a seconda dell’oggetto o del servizio venduto. Questo ovviamente può includere anche altri tipi di ricerche come “vicino a me” per fare un esempio.

Esempio: l’utente cerca “negozi d’informatica vicino a me”. Trova un negozio con un sito online ed effettua un acquisto. A volte questo include anche una ricerca specifica per altri oggetti di altre categorie.

Qualche pensiero finale sull’Intent Marketing

Adesso con queste conoscenze a disposizione, sarà possibile organizzare un sito per questi tipi di comportamenti. Va detto naturalmente che si può organizzare diverse sezioni del sito per diversi tipi di Intent, ma è proprio questo il segreto dell’Intent Marketing, è possibile creare un ambiente nel quale un utente può provenire per varie intenzioni, e il sito è capace di accogliere tutte queste eventualità se programmato ed organizzato come si deve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.